The Mediterranean Diet, an Italian-American Discovery useful for the Future

Date/Time
Fri, November 9, | From 6:00 pm - 9:00 pm


November 9, 2018 | Time 6-8pm

Where: 42 Degrees North at the Detroit Marriott at the Renaissance Center

Free Event Open to the Public, please register by November 5, 2018

ELISABETTA MORO, MARINO NIOLA – The Mediterranean Diet, an Italian-American Discovery useful for the Future

Conviviality, seasonality, sustainability: these are the secrets of the Mediterranean diet, the foundation of a lifestyle that has con quered the world. The diet was discovered by two American scientists in the 1950s in the area between Naples and the Cilento. Relying on symbolic foods of the Mediterranean triad – cereals, oil, wine – this “anti-diet” successfully combines the legacy of the classic world and local traditions. This book explores the diet’s sacred sites: Campania, Amalfi, Cetara (anchovies), Pozzuoli (the realm of seafood), Apulia (the burnt grain pasta of Tricase, the almond paste of Lecce), Lucania (ancient-grain bread), Sicily (Favignana’s tuna, Palermo’s pancakes, Catania’s fried rice balls), not to mention Naples, Genoa and Venice.

Elisabetta Moro teaches Cultural Anthropology at the Suor Orsola Benincasa University in Naples.
Marino Niola teaches Anthropology of Symbols at the same university. Together they head the Mediterranean Diet Social Research Centre (MedEatResearch).

Convivialità, stagionalità, sostenibilità. Sono i segreti della dieta mediterranea. Uno stile di vita che ha conquistato il mondo. Scoperta negli anni Cinquanta tra Napoli e il Cilento da due scienziati americani. Fondata sugli alimenti-simbolo della triade mediterranea – cereali, olio e vino – questa dieta che non è una dieta combina felicemente eredità del mondo classico e tradizioni locali. Scopriamola nei suoi luoghi sacri: dalla Campania, con Amalfi e le acciughe di Cetara, o con Pozzuoli, regno dei frutti di mare, alla Puglia, con le orecchiette di grano arso di Tricase e con la pasta di mandorle di Lecce, dalla Lucania, con il suo pane antico, alla Sicilia, con i tonni di Favignana, le panelle di Palermo e gli arancini di Catania – oltre che in quegli autentici empori di tipicità che sono Napoli, Genova, Venezia.